腹 八分 目 Hara hachi bun me



Hara hachi bun me (腹 八分 目) (scritto anche hara hachi bu) è un principio confuciano, che insegna alle persone a mangiare fino a quando non sono piene all'80%. Si potrebbe tradurre come: "Mangia finché non sei pieno per otto parti (su dieci)" o "pancia piena all'80 per cento".


Dall'inizio del 21 ° secolo, gli abitanti di Okinawa in Giappone continuano a praticare l' hara hachi bu. Consumano da 1.800 a 1.900 kilo-calorie al giorno. L' indice di massa corporea (BMI) tipico dei loro anziani è compreso tra 18 e 22 circa, rispetto a un BMI tipico di 26 o 27 per gli adulti oltre i 60 negli Stati Uniti . Okinawa ha la percentuale più alta al mondo di centenari , circa 50 per 100.000 persone.


Il biochimico Clive McCay , professore alla Cornell University negli anni '30, riferì che una significativa restrizione calorica prolungava la vita negli animali da laboratorio.

Gli autori Bradley e Craig Wilcox e Makoto Suzuki credono che hara hachi possa agire come una forma di restrizione calorica, estendendo così l' aspettativa di vita. Si pensa che ciò sia dovuto al ritardo nei recettori di stiramento dello stomaco che aiutano a segnalare la sazietà . Il risultato di non praticare hara hachi bu è un costante allungamento dello stomaco che a sua volta aumenta la quantità di cibo necessaria per sentirsi sazi.


L'approccio al consumo di hara hachi bun si trova anche in altre culture.


Cina

L'insegnamento confuciano, risalente al V secolo a.C., ha n detto simile a quello giapponese si trova in Medicina Tradizionale Cinese : "Chifan Qi fēn bǎo San fēn ji" (吃饭七分饱,三分饥, "mangiare solo fino a quando si è al 70 per cento completi.") Il Giappone è stato fortemente influenzato dalla cultura cinese .


India

Il principio compare anche nella medicina ayurvedica , risalente al IV secolo aC, dove "dovresti riempire un terzo dello stomaco di liquido, un altro terzo di cibo e lasciare il resto vuoto".

nello Zen

Nel libro "i tre pilastri dello Zen" del 1965 , l'autore cita Hakuun Yasutani nella sua conferenza per i principianti zazen mentre racconta ai suoi studenti del libro Zazen Yojinki ( Precauzioni da osservare in Zazen ), scritto intorno al 1300, che consiglia ai praticanti di mangiare circa due terzi della loro capacità. Yasutani consiglia ai suoi studenti di mangiare solo l'ottanta per cento della loro capacità e ripete un proverbio giapponese: "otto parti di uno stomaco pieno sostengono l'uomo; le altre due sostengono il dottore".


44 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti