Geta (下駄) & Zōri (草履ぞうり)


Geta (下駄) sono calzature tradizionali giapponesi che ricordano le infradito . Una specie di sandalo , i geta hanno una base piatta in legno rialzata con un massimo di tre (anche se comunemente due) "denti", tenuti sul piede con un laccio in tessuto , che mantiene il piede sollevato da terra.



La prima coppia di geta conosciuta è stata scavata in un sito archeologico neolitico vicino a Ningbo, Zhejing, Cina , datato alla cultura Liangzhu (3400–2250 a.C.). Questi geta differivano nella costruzione dai geta moderni, avendo cinque o sei fori al posto dei tre moderni. L'uso e la popolarità degli zoccoli di legno in Cina sono stati registrati in altre fonti risalenti al periodo primaverile e autunnale (771–476 a.C.) fino alle dinastie Qin (221–206 a.C.) e Han (202 a.C. - 220 d.C.). Le scarpe in stile Geta furono indossate nella Cina meridionale probabilmente fino a qualche tempo tra le dinastie Ming (1368–1644) e Qing (1636/1644-1912), quando furono sostituite da altri tipi di calzature.


È probabile che i geta provenissero dalla Cina meridionale e furono successivamente esportati in Giappone. Esempi di geta giapponesi risalenti all'ultima parte del periodo Heian sono stati trovati ad Aomori nel 2004, durante uno scavo lungo la riva destra del fiume Shinjo.


Oiran (花魁)cortigianealto rangodel periodo feudale inGiappone- indossavano koma -geta o mitsu-ashi (lett. "tre gambe") alti e laccati quando camminavano in una parata con i loro assistenti. Mentregeishae maiko indossavano calzini tabi , oiran sceglieva di non farlo, anche in inverno, poiché il piede nudo contro uno zoccolo laccato era considerato erotico, lasciando le dita dei piedi che spuntavano sotto il lorokimono.


Questo stile di geta era probabilmente indossato come punto di distinzione visiva tra oiran , geisha e la loro apprendista geisha, come se la prima intrattenesse le classi superiori, la seconda no, ed fosse considerata di classe inferiore, nonostante la loro immensa popolarità.


Alcuni commercianti di frutti di mare e di pesce usavano anche geta molto alti con denti particolarmente lunghi per tenere i piedi sopra gli avanzi di pesce sul pavimento delle loro botteghe; questi erano conosciuti come tengu geta.


Persona che indossa geta e tabi

I geta sono indossati principalmente con gli yukata , ma a volte anche con gli abiti occidentali durante i mesi estivi. Poiché i geta vengono solitamente indossati solo con yukata o altri vestiti giapponesi informali o vestiti occidentali, non è necessario indossare calzini. Di solito, le persone indossano zori leggermente più formali quando indossano tabi .


I Geta sono indossati con il piede che sporge dalla schiena e uno spazio di circa un dito tra il cinturino e la fettuccia della pelle tra le dita. Le dita dei piedi pizzicano la cinghia per sollevare la punta del geta. Indossarli in altro modo può rendere più difficile l'equilibrio e più probabili le vesciche.


A volte i geta vengono indossati sotto la pioggia per mantenere i piedi asciutti, grazie alla loro maggiore altezza e impermeabilità rispetto ad altre calzature come le zori. Fanno un rumore simile alle infradito che sbattono contro il tallone mentre si cammina, anche se l'inflessibilità di geta significa che, a differenza delle infradito, l'acqua e lo sporco non vengono ribaltati sulla parte posteriore delle gambe.


I geta normalmente non vengono indossati sulla neve, perché la neve spesso si attacca ai denti del geta, rendendo difficile la camminata. Tuttavia, in epoca storica, venivano indossati sulla neve.


Geta può essere dotato di copri punta rimovibili per l'uso in caso di freddo, neve e pioggia. Alcuni sono addirittura dotati di lame da pattinaggio sul ghiaccio .


Stili

Ci sono diversi stili di geta. Lo stile più familiare consiste in una tavola di legno incompiuta chiamata dai (台, lett. "supporto") su cui è appoggiato il piede, con un laccio di stoffa (noto come hanao (鼻緒) ) che passa tra l'alluce e il secondo dito del piede.



La vista dal basso, che mostra i "denti"

Anche i blocchi di supporto sotto le assi di base, chiamati ha (歯, lett. "dente") , sono fatti di legno, solitamente legno di paulownia molto leggero (noto come kiri (桐) ). Se ci sono due ha (歯, lett. "dente") - quello anteriore è posizionato sotto la pianta del piede e il geta fa perno su di esso mentre si cammina, mentre quello posteriore è posizionato sotto il baricentro in piedi. I denti emettono un caratteristico "clack" mentre si cammina, denominato "karankoron" (カランコロン). Questo è talvolta menzionato come uno dei suoni che i giapponesi più anziani mancano di più nella vita moderna. Un detto tradizionale in giapponese si traduce come "Non lo sai finché non hai indossato geta". Questo significa più o meno "non puoi dire i risultati finché il gioco non è finito".


La motivazione originale per indossare le scarpe con zeppa alta non era la moda, ma la praticità: evitare che piedi e kimono entrassero in contatto con cose a terra, come terra, sporcizia, acqua o neve.


Il dai può variare nella forma, da forme ovali a più rettangolari, con la prima considerata più femminile e la seconda più maschile. Geta varia anche nel colore dal legno naturale alle varietà laccate o tinte in legno. Gli ettari possono anche variare nello stile; per esempio, i tengu geta hanno un solo "dente" centrato. Ci sono anche geta meno comuni con tre denti.


Le Maiko (geisha in formazione) indossano distintivi geta alti chiamati okobo , che sono simili alle chopines indossate a Venezia durante il Rinascimento . Le ragazze molto giovani indossano anche okobo (chiamati anche "pokkuri" e "koppori" ) che hanno una campanella all'interno di una cavità nella spessa suola. Questi geta non hanno denti, ma sono formati da un unico pezzo di legno. La parte centrale è scolpita dal basso e la parte anteriore è inclinata per accogliere la deambulazione.


Gli okobo per le ragazze sono solitamente di colore rosso e non vengono indossati con lo yukata , ma un kimono molto elegante, di solito il kimono luminoso e colorato indossato per Shichi-Go-San . Gli okobo sono solitamente indossati con calzini tabi .


Parte superiore: geta semplice, basso (5 cm (2,0 pollici)) con cinturini rossi, geta semplice con cinturini neri, geta alto/ takai (10 cm (3,9 pollici)), tengu geta a un dente (14 cm (5,5 pollici)) . In basso: alto (18 cm (7,1 pollici)) pioggia/ ashida geta, okobo di Maiko (13 cm (5,1 pollici)), alto (20 cm (7,9 pollici)) tengu geta.

I Geta sono costituiti da un unico pezzo di legno massello che forma la suola e da due blocchi di legno sottostanti. Questi blocchi possono avere una piastra metallica sulla sezione che tocca il suolo per allungare la vita del geta. Un laccio di stoffa a forma di V forma la parte superiore del sandalo.


I denti di solito non sono separati, invece, il geta è scolpito da un blocco di legno. Il dente tengu è, tuttavia, rafforzato da un attacco speciale. I denti di qualsiasi geta possono avere un legno più duro perforato sul fondo per evitare la spaccatura e le suole dei denti possono avere suole di gomma incollate su di esse.


L' hanao può essere largo e imbottito, o stretto e duro, e può essere realizzato con molti tipi di tessuto. Il cotone stampato con motivi tradizionali giapponesi è popolare, ma ci sono anche geta con vinile e hanao in pelle . All'interno dell'hanao si trova un cordone (sintetico in epoca moderna, ma tradizionalmente di canapa ) che viene annodato in modo speciale ai tre fori del dai . Nell'ampio hanao c'è anche dell'imbottitura. Gli hanao sono sostituibili. Si trova tra le prime due dita del piede perché avere il perizoma del geta rettangolare ovunque tranne che al centro comporterebbe la collisione degli angoli posteriori interni del geta quando si cammina.


Di recente, poiché le scarpe occidentali sono diventate più popolari, sono stati sviluppati geta più dall'aspetto occidentale. Hanno una forma più tonda, possono avere un dai di forma ergonomica , un tacco spesso come negli zoccoli occidentali, invece di denti separati, e il perizoma di lato come nelle infradito. Secondo la superstizione giapponese , rompere il perizoma del proprio geta è considerato molto sfortunato.


Le calzature tradizionali giapponesi non si vedono spesso in questi giorni poiché di solito vengono indossate solo con altri indumenti tradizionali.

Zori sono sandali realizzati in paglia di riso o legno laccato e si indossano con un kimono nelle occasioni formali. I geta sono zoccoli di legno rialzati che vengono indossati con lo yukata informale. I Geta sono spesso visti in questi giorni ai piedi dei lottatori di sumo. Molto probabilmente li sentirai prima di vederli mentre emettono un caratteristico schiocco mentre chi li indossa cammina. Questo è talvolta menzionato come uno dei suoni che i giapponesi più anziani mancano di più nella vita moderna.

Potresti vedere occasionalmente il monaco buddista indossare waraji, sandali fatti di corda di paglia che in passato erano le calzature standard della gente comune. Tutti e tre i modelli consentono la libera circolazione dell'aria intorno ai piedi, una caratteristica probabilmente dovuta al clima umido del Giappone.


Come in molte altre aree della vita, la moda della prima nobiltà giapponese era fortemente influenzata dalla cultura cinese e quindi indossavano scarpe o stivali. Geta e zori ebbero origine nel periodo Heian (794-1192) un periodo che vide l'evoluzione di una cultura più "nativa". I geta sono costituiti da un pezzo di legno piatto su due listelli (detti ha, o denti) che sollevano la suola di 4-5 cm da terra. Questo è sufficiente per evitare che un kimono si sporchi, anche se le ashida (scarpe da pioggia) hanno delle stecche alte circa 10 cm. Alcuni chef di sushi indossano persino geta con ha alti fino a 17 cm. Queste scarpe "piattaforma" si sono reincarnate in una breve tendenza della moda di fine anni '90, in cui si potevano vedere ragazze barcollanti su atsuzoku (tacchi spessi).

Sia geta che zori sono tenuti in piedi da un hanao (perizoma), che di solito è nero per gli uomini e rosso per le donne. Gli zori sono solitamente indossati con calzini di cotone bianchi a punta divisa chiamati tabi. Le Tabi sono le calzature preferite dalle persone che prendono parte ai numerosi matsuri (festival) in tutto il Giappone. Gli operai edili, che possono essere visti in tute dai colori vivaci con pantaloni molto larghi, indossano spesso jika tabi, scarpe tabi di cotone o stivali con suola di gomma.


Realizzato in legno (più comunemente legno di cedro), il geta è disponibile in varie forme e dimensioni. La maggior parte dei geta ha due denti, ma il tengu-geta consiste in un singolo dente ( ha ) nel mezzo della suola. I piedi di chi lo indossa sono tenuti con un cinturino di stoffa chiamato hanao . I geta degli uomini hanno spesso un hanao nero mentre quelli delle donne sono rossi.






Zōri (草履ぞうり)

Sono sandali giapponesi con cinturino fatti di paglia di riso, stoffa, legno laccato, pelle, gomma o, più comunemente e informalmente, materiali sintetici. Sono un discendente slip-on del sandalo waraji allacciato.

Simili nella forma, le moderne infradito divennero popolari negli Stati Uniti, in Australia e in Nuova Zelanda quando i soldati di ritorno dalla seconda guerra mondiale portarono con sé gli zori giapponesi.




Come molti sandali giapponesi, gli zori si infilano e si tolgono facilmente, che è importante in Giappone, dove le scarpe vengono rimosse e rimesse quando si entra e si esce da una casa , e dove allacciare i lacci delle scarpe sarebbe poco pratico quando si indossano abiti tradizionali .


Le forme tradizionali di zori si vedono se indossate con altri abiti tradizionali. Le forme moderne sono abbastanza comuni, tuttavia, con l'abbigliamento casual occidentale, soprattutto in estate. Mentre i geta ora sono per lo più indossati con lo yukata informale , gli zori tradizionali sono spesso indossati con il kimono più formale .


In caso di pioggia, zori può essere indossato con i copripunta ( shigure zori).


Materiali

Gli zori erano tradizionalmente fatti in casa, così come i waraji. Notare l'ordito a spago, tenuto tra le mani e le dita dei piedi, e la trama a fibre sciolte, alla sua destra.

Gli zori erano tradizionalmente fatti in casa, così come i waraji . Notare l'ordito a spago , tenuto tra le mani e le punte, e la trama a fibre sciolte , alla sua destra.


Istruzioni pittoriche su come tessere wara-zōri o waraji nel villaggio folcloristico di Hida Minzoku Mura; le calzature intrecciate sono prodotte insolitamente, soprattutto per necessità pratiche, in Giappone ai giorni nostri.

Istruzioni pittoriche su come tessere wara-zōri o waraji nel villaggio folcloristico di Hida Minzoku Mura ; le calzature intrecciate sono prodotte insolitamente, soprattutto per necessità pratiche, in Giappone ai giorni nostri.


Simili zori da festival rozzamente intrecciati, ma con le cinghie avvolte in tessuto prima di essere attorcigliate insieme.

Simili zori da festival rozzamente intrecciati, ma con le cinghie avvolte in tessuto prima di essere attorcigliate insieme.


Zori più finemente intrecciati (anche il perizoma è più indietro). Le suole cucite sono appena visibili ai bordi.

Zori più finemente intrecciati (anche il perizoma è più indietro). Le suole cucite sono appena visibili ai bordi.


Lo zori è nato come una forma slip-on del waraji tie-on . Nel periodo Edo (1603-1867), la produzione di zori divenne professionalizzata ed emerse una varietà di tipi di zori fantasiosi, utilizzando materiali più elaborati.

Mentre gli zori erano ancora comunemente intrecciati con paglia di riso ( wara-zōri 藁 草履わらぞうり, letteralmente "zori di paglia"), venivano utilizzati anche giunchi di vario genere e guaina di bambù. Se erano fatti di qualcosa di meno economico della paglia di riso, spesso veniva cucita una suola extra. Questo potrebbe essere fatto di corda di canapa arrotolata ( asaura-zōri ), steli di glicine ( fujiura-zōri ) o legno in strisce laterali ( zōri-geta o itatsuke-zōri ). Sul setta si usavano suole in cuoio .

Oggi come suole si utilizzano poliuretano e sughero .


Zori ha anche una varietà di superfici superiori. Zori con un rivestimento di vimini intrecciato sono indicati come tatami omote Se è intrecciato con paglia di riso (come sopra), sono wara-zōri . Se sono intrecciati sullo stesso motivo a quattro orditi, ma utilizzando una trama di guaina di bambù (sbucciature di culmi di bambù ), sono takegawa (たけがわ,竹皮) zori, letteralmente zori di pelle di bambù. La suola superiore può anche essere tessuta di giunco ​​comune ( igusa ). Questo è il materiale utilizzato per la maggior parte dei tatami e per igusa-zōrisono anche tessuti sullo stesso motivo a molti orditi del tatami.


Nelle suole superiori vengono utilizzate anche rafia , rattan e strisce di carta (trattate e attorcigliate per assomigliare al giunco) .

Alcune suole sono modanature sciamorfiche che sembrano suole intrecciate. Le suole superiori potrebbero anche essere fatte di stoffa, pelle, stoffa di vinile , o schiuma EVA . Le suole realizzate interamente con materiali impermeabili (solitamente sintetici) sono chiamate 雨底( amezoko ) zori, letteralmente zori con suola antipioggia.

Gli zori di elastomero sono chiamati ゴム草履( gomu-zōri ) .


Avvolgere le cinghie di paglia con un panno trasforma lo zori in fuku-zōri (zori di stoffa,服草履ふくぞうり) - Gli zori moderni sono solitamente realizzati con le cinghie come un pezzo separato, non intrecciato contemporaneamente alla suola.


Hanao


Setta , zori con suola in cuoio, con alette per sostituire hanao (il lembo posteriore è poco appariscente)

Gli hanao sono le cinghie che tengono la suola al piede; la parte che dovrebbe adattarsi liberamente tra le dita dei piedi è il maetsubo (前壺) , e le cinghie laterali sono lo yoko-o (横緒) . Hanao , come le suole zori, sono tradizionalmente simmetriche, senza differenze tra sinistra e destra, anche se alcuni design divergono da questo.


L' hanao degli zori informali può essere fatto di un materiale simile al velluto , come spesso accade per igusa zori. Gli hanao degli zori in vinile colorato più formali sono cinturini in vinile o tessuto. Il tessuto è spesso il tessuto utilizzato per la scarpa, o chirimen (un tipo di crepe giapponese, di seta o rayon ), o cotone, spesso con un tessuto diverso e più morbido sotto. Gli zori da uomo possono anche presentare hanao in pelle o similpelle .


Tradizionalmente, gli hanao sono adattati a chi li indossa, essendo legati attraverso tre fori da lacci attaccati alle cinghie. Hanao può indossare e allungarsi facilmente; in tali casi, l' hanao può essere regolato o sostituito tramite piccole alette nelle suole, che nascondono i nodi che li tengono in posizione. In altri casi, tuttavia, l' hanao può essere del tutto inaccessibile, richiedendo che la suola incollata venga aperta in due o che l'intera scarpa venga sostituita.



Igusa zori casual , con superficie superiore a molti orditi e hanao in velluto

Sia il sesso di chi lo indossa che la formalità dell'occasione influiscono sulla scelta di zori. Indipendentemente dalla varietà, gli zori sono quasi sempre indossati con calzini tabi .


Gli zori delle donne sono raramente piatti, ad eccezione dell'igusa zori. Le suole sono disponibili in diversi spessori e angoli e sono tipicamente ricoperte da vinile o tessuto, anche se alcune varietà moderne presentano una suola in plastica nera dura con una base antiscivolo. Al contrario, gli zori da uomo presentano quasi sempre una suola piatta.


Gli zori con un rivestimento in vimini intrecciato sono indicati come tatami omote I Takagawa zori sono generalmente considerati zori relativamente formali, anche se il rivestimento è un'imitazione in vinile di un rivestimento in guaina di bambù intrecciata. Sebbene la maggior parte degli zori con una copertura in tatami omote siano considerati abiti da uomo - noti come setta - esistono anche calzature tradizionali da donna con una copertura in tatami omote , sebbene queste siano generalmente limitate alla varietà okobo di geta. Al contrario, gli igusa zori sono più moderni, e non sono indossati con il kimono, ma sono considerati abiti da lavoro o talvolta sono abbinati a abiti casual occidentali o giapponesi. Questi zori assomigliano più da vicino a un sandalo piatto con una base intrecciata.


I Setta storicamente erano per lo più takegawa setta , ma dal 2002 erano spesso igusa setta ; era anche sempre più probabile che avessero cinturini colorati e fantasia.


L' hanao , o infradito, può essere bianco o nero, a seconda dell'occasione; gli hanao bianchi sono indossati con zori formali, con gli hanao neri considerati informali. Possono anche completare il colore dell'indumento. Gli hanao neri, bianchi e rossi sono tradizionali e comunemente prodotti in serie, ma sono popolari anche gli hanao colorati con una varietà di motivi, a volte scelti separatamente dallo zori.






Gli zori in vinile o plastica sono meno formali. Sono indossati con abiti informali come un kimono semi-formale. La varietà più informale di zori è generalmente indossata dalle donne; mentre zori ricoperti di broccato vengono usati con i kimono più formali, come abiti da matrimonio e funerali.






approfondimenti

** https://en.wikipedia.org/wiki/Geta_(footwear)


** https://www.japan-zone.com/culture/footwear.shtml#:~:text=Geta%20and%20zori%20originated%20in,4%2D5cm%20off%20the%20ground.


** https://www.culturally.co/blog/the-history-of-geta-japanese-sandals

** https://en.wikipedia.org/wiki/Zori


** https://it.wikipedia.org/wiki/Infradito









6 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti